Come un cieco in un oceano di rumore

– immagina di essere cieca
– intendi dire della Repubblica Ceca?

– no, cieca tipo che non vedi
– ah

– e di essere ad una festa, in cui tutti parlano ad alta voce
– ci sto pensando

– ora però devi chiudere gl’occhi
– perché?

– così t’immedesimi meglio
– d’accordo, li ho chiusi

– ecco, in quell’oceano di rumore senti che manca qualcosa
– sì, sono da sola con gli occhi chiusi ad una festa e nessuno mi offre da bere

– cretina
– non è bello insultare un’handicappato, specie se donna

– hai ragione, domando scusa
– insomma, dicevi?

– io sono lì, davanti a te, e ti sto guardando, ma non dico nulla
– e come faccio a trovarti?

– appunto: tu mi trovi perché sono l’unico in silenzio
– ma come, se non ti vedo?

– troveresti il modo
– tu sei pazzo

– adesso puoi aprirli
– oh

– che c’è?
– niente

– sei sbalordita dalla mia bellezza interiore?
– no

– allora cosa?
– è che pensavo che dovrei essere veramente cieca, per uscire con te